Codice IBAN: cos’è, a cosa serve e come si ottiene

codice iban cos e

Quando si effettuano bonifici è molto importante sapere quali sono i codici IBAN e BIC. Insomma, il codice IBAN è indispensabile per effettuare qualsiasi bonifico, mentre il codice BIC serve per farli all'estero, ma come sono e come si ottengono?

Il codice IBAN: numero di conto bancario internazionale

Il codice IBAN viene utilizzato per identificare un conto bancario a livello internazionale. Il suo nome deriva dall'acronimo in inglese dello standard IBAN (International Bank Account Number), nato per consentire agli istituti finanziari di automatizzare facilmente i bonifici tra banche dell'Unione Europea. Con questo regolamento, i pagamenti e i trasferimenti intracomunitari vengono eseguiti come quelli nazionali, con tassi simili che possono essere applicati.

Prima di questo regolamento, le difficoltà nei pagamenti internazionali nell'Unione Europea erano piuttosto importanti poiché, ad esempio, i sistemi di identificazione del conto erano solo nazionali e ciò rendeva impossibile identificare in quale paese fosse aperto un conto.

Come è composto un IBAN

Il codice IBAN è un codice che ha 4 caratteri iniziali e poi il numero di conto:

  • 4 caratteri iniziali: prefisso internazionale (2 cifre) + codice di controllo (2 cifre). Esempio: IT31 (codice del paese “IT” per l'Italia) + codice di controllo (“31”).
  • Codice conto cliente (CCC): 20 caratteri che identificano il conto. Esempio: 1465 0100 72 2030876293 .

Un esempio di codice IBAN completo è il seguente: IT31 1365 0100 72 1234567890 .

Per un bonifico nazionale è sufficiente il codice IBAN, ma per uno intracomunitario il pagatore deve fornire i codici IBAN e BIC del beneficiario, che potete vedere di seguito.

Vantaggi dell'IBAN

Il codice IBAN, così come il codice BIC , rappresenta molti vantaggi in un bonifico bancario . I principali e più importanti sono:

  • Ottimizza l'efficienza delle transazioni : è in grado di accelerare il trasferimento di fondi da una banca all'altra, indipendentemente dalla posizione di entrambi i conti.
  • Fornisce molta più sicurezza: la mancanza di possibilità di errore nella generazione di questo codice serve a fornire ai suoi utenti una maggiore sicurezza.
  • Evitare errori: uno degli scopi principali di questo codice è evitare errori. Per questo viene creato come un codice in cui i dati dell'account dell'utente saranno sempre completi e corretti.
  • Fornisce processi automatizzati: con l'IBAN tutti i processi che vengono effettuati sono automatizzati. Qualcosa che implica più velocità ed efficienza.
  • Facilita un sistema di pagamento standardizzato in tutta l'Unione Europea: con i pagamenti sicuri utilizzando il codice IBAN, c'è una gestione più efficiente e facile, qualcosa che finisce per avvantaggiare l'economia mondiale e le relazioni commerciali internazionali.

Prima della creazione di questo codice, c'erano molte difficoltà tra i pagamenti internazionali nell'Unione Europea, perché i sistemi di identificazione dei conti erano solo nazionali. Qualcosa che rendeva impossibile l'identificazione dal paese in cui il conto era aperto.

Chi usa l'IBAN?

L'IBAN è stato inizialmente creato per facilitare i pagamenti elettronici tra le banche dell'Eurozona. Da allora, si è ampliato in tutto il mondo, anche se non tutte le banche e non tutte le regioni hanno aderito allo standard e potrebbe essere comunque necessario fare affidamento su un sistema alternativo come SWIFT. I paesi nordamericani, australiani e asiatici non utilizzano l'IBAN per i trasferimenti di denaro nazionali e lo faranno solo quando si invia un pagamento a un paese che ha adottato l'IBAN.

Perché è stato creato l'IBAN?

L'IBAN è stato sviluppato per ridurre gli errori e migliorare la verifica dei pagamenti transfrontalieri riducendo i pagamenti rifiutati, i ritardi di trasferimento e le spese e commissioni bancarie associate.

Che aspetto ha un numero IBAN?

Un numero IBAN contiene fino a 34 caratteri alfanumerici. È preceduto da un codice paese di due caratteri, due cifre di controllo e un numero di conto bancario di base (BBAN) che contiene dettagli bancari e del conto specifici. Il formato della porzione BBAN varia da paese a paese, che in genere includerà un codice banca e un codice filiale.

Come posso ottenere un IBAN?

Puoi richiedere un IBAN se sei cliente di una banca in una regione IBAN. Tieni presente che un IBAN può essere utilizzato solo per ricevere pagamenti e non viene utilizzato quando si effettuano prelievi.

Per ottenere un codice IBAN puoi recarti in banca e aprire un conto corrente, oppure puoi richiedere una carta prepagata con IBAN.

Il codice BIC: codice identificativo della banca

Il codice BIC serve per identificare la banca beneficiaria di un bonifico (o banca di destinazione). Il suo nome deriva dall'acronimo in inglese dei termini Bank Identifier Code, e completa le informazioni fornite dal Codice IBAN.

È un codice che si può trovare in 2 modi diversi:

  • Codice di 8 caratteri: include informazioni sull'ente, il paese e la località. Esempio: PASCITM1 è il codice BIC per Monte dei Paschi di Siena (banca), IT (paese, Italia) e M1 (Codice della località).
  • Codice a 11 caratteri: oltre a quelli della sezione precedente, spesso ci sono ulteriori 3 caratteri che identificano la filiale. Esempio: PASCITM1MI8 è il codice BIC per Monte dei Paschi di Siena (banca), IT (paese, Italia), M1 (codice della località) e MI8 (codice della filiale).

Il codice BIC è talvolta noto come “codice SWIFT”. Affinché un bonifico intracomunitario sia soggetto alla stessa commissione di un bonifico nazionale di pari importo, il pagatore deve fornire alla banca i codici IBAN e BIC/SWIFT del beneficiario.

n26 banner

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
blank

FINO A 25€ IN REGALO

CODICE SCONTO: SUPER
Si applicano Termini e condizioni
close-link
Ricevi 1 anno di Amazon Prime GRATIS con HYPE
1 anno di Amazon Prime GRATIS con HYPE